«Quo vadis, sine musica» (Dove vai, senza musica?) è il titolo del Progetto Educational nato dell’entusiasmo di alcuni musicisti che lavorano presso l’Accademia musicale S. Cecilia e il Collegio Vescovile S. Alessandro di Bergamo. La manifestazione, giunta nel 2015 alla quarta edizione, nel corso degli anni ha visto la partecipazione di quasi 3500 tra bambini e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado di Bergamo e provincia.   I benefici che possono derivare da un approccio precoce alla musica sono ampiamente riconosciuti in ambito pedagogico e dalle scienze cognitive. Tuttavia, sembra che la nostra società non abbia ancora stabilito quale importanza attribuire alla formazione musicale, soprattutto per quanto riguarda la fascia d'età in questione. Il progetto delle lezioni-concerto si inserisce proprio in questa “terra di nessuno”, in cui i nostri musicisti-attori hanno guidato i giovani neofiti tra i capolavori di alcuni celebri musicisti vissuti tra il XIX e il XX secolo. Le conferenze hanno preso il via con il russo Igor Stravinskij (1882-1971), per poi incontrare, nel bicentenario della nascita, il tedesco Richard Wagner (1813-1883) e proseguire con l'italiano Ottorino Respighi (1879-1936). L’edizione 2014 è stata invece dedicata ai fratelli Gershwin, George e Ira. Il carnevale 2015 è stato invece reso speciale dalla straordinaria storia di Dimitri Shostakovic sempre alle prese con il terribile dittatore Josef Stalin. 

 

Per maggiori informazioni....

Da noi la musica resta 

un optional per pochi. 

Nessuno direbbe a cuor leggero:

 non capisco niente di 

letteratura o di pittura,

 mentre molti non si 

vergognano a dire che 

non capiscono nulla di musica.

Salvatore Sciarrino